Sono chimico computazionale e scrittore. E sono spacciato.

I libri, persino su Second Life.


Posted on December 8th 2011, by Arturo Robertazzi in #DcSc, DestinazioneCuoreStomacoCervello. No Comments

Lui è molto più magro di me. Veste una giacca lunga stretta alla vita. Ha i capelli lunghi, ma lisci, e una barba grigia.

Il mio avatar è cool, non c’è che dire.

E con lui, ieri sera, ho fatto un giretto in un pub irlandese, in un negozio di dischi, e davanti a un cinema, dove si incontravano persone a chiacchierare di non so cosa.

Verso le dieci è arrivato “Imparafacile Runo”, mi ha teletrasportato (per fortuna con tutti i vestiti) e sono finito sulla sua isola, poi su una spiaggia a suonare un pianoforte, dentro a un video di Sylvie Lewis, e infine, seduto su un barile di latta, in un garage.

È Second Life.

E su Second Life, Imparafacile Runo, Helenita Arriaga e la banda di LibriamoTutti (su twitter qui) organizzano tanti eventi, molti dei quali legati ai libri.

E i libri, si sa, sono libri su Twitter, nella libreria di casa mia, negli scaffali di una antica biblioteca… e lo sono persino su Second Life.

Nei prossimi giorni vi racconterò bene di un “come, quanto e perché” legato a Tito Faraci. Ma questa volta, però, non si parla di Twitter…





Leave a Reply

Licenza Creative Commons