Sono chimico computazionale e scrittore. E sono spacciato.

#SalTo12: primo giorno.


Posted on May 11th 2012, by Arturo Robertazzi in #DcSc, DestinazioneCuoreStomacoCervello. No Comments

Lo so, lo so, scrivono tutti un resoconto dal Salone del Libro. E lo chiamano tutti più o meno come l’ho chiamato io. Voglio dire, saranno per me giorni importanti, interessanti e, spero, divertenti. Quindi, insomma, vi dovrete sorbire, se vorrete, la mia cronaca da #SalTo12.

Tecnicamente non sono ancora al Salone, ma da qualche parte sull’autostrada per Torino. Il sole entra dal finestrino, mentre una tipa a due posti di distanza urla in polacco dentro al suo telefonino, poi ride. Io, con le palpebre pesanti, penso e ripenso, come fosse un sogno, che oggi presenterò eZagreb al Salone del Libro.

È trascorso un anno esatto dall’uscita del cartaceo e ritornare a Torino con lo stesso romanzo, ma in versione digitale, ha un sapore tutto particolare. Dopo un anno di presentazioni ed eventi legati al romanzo, sono cresciuto io ed è cresciuto Zagreb. Eppure le emozioni sono quelle di un tempo. Un ottimo segno.

Tornare a Torino poi significa rincontrare vecchi amici, virtuali e non, e farne di nuovi. È un’atmosfera unica quella del Salone, anche se a volte assomiglia più a un mercato rionale che a un festival di libri.

La tipa polacca ha smesso di parlare al telefono, il sole si è nascosto dietro le nuvole e le palpebre sono troppo pesanti per continuare.

Beh ci vediamo fra poco: ore 16, Book to the Future. Io e eZagreb vi aspettiamo!





Leave a Reply

Licenza Creative Commons